PREMIO CITTÀ DI GALATINA

Premiazione del 10 giugno 2018 presso il giardino dell'ex monastero delle Clarisse in Galatina (Le).

Sezione 1 Poesia edita a tema libero

1° classificata

MONOLOGO DI UNA STELLA CADENTE di Mariateresa Protopapa

Si fermò il mare
a guardare
uno squarcio,
dilaniò
il primo tepore.
Il mare si fermò
come mai era accaduto,
le ultime nuvole ebbero fretta
di scappare in cima alla solitudine,
tutto rimase intorpidito
da una folata di gelido vento,
il sole ebbe paura di far capolino
si nascose dietro le ultime lune.
Un corteo di lacrime bianche
bagnò tutte le porte del muto paese,
si spalancò il portone solenne.
Dio sull'altare pianse la sua ultima figlia,
la prese in braccio incredulo...
tutta la terra tremò di vergogna.
Le mani cinsero volti spenti dal dolore,
le lenzuola ai capezzali divennero
brandelli,
divorati dalla pazzia
cuori si fermarono inghiottiti dal silenzio
e non corse più bimbo spensierato..
al primo meriggio di maggio.
L'estate quell 'anno non voleva arrivare
perché
non trovava felicità da cingere
a cui accompagnarsi.
La felicità era finita con lei,
si alzò un gelido vento
che spazzò via le maschere le bugie
sventrò ogni muto pensiero,
spinse ogni anima ad un ' 'mea culpa"...

2° classificata

DISCESA di Alessandro Lunare

Il tramonto mi sorrise
da lontano.

Voltai la macchina verso il buio
e le onde fragorose
mi vennero gaie incontro.

Mi adagiai in quel suono,
assaporai la schiuma del maestrale.

Mi tolsi la pelle stanca del giorno inutile,
indossai il manto della notte.

Adamantine le stelle mi salutarono,
come sempre,
immote e loquaci ad un tempo.

Divisi con loro
il mio pane
di sogno quotidiano.

Posai il capo
e sognai un altro giorno.

3° classificata

STELLE di Sabrina Del Giudice

Frammenti di stelle
scalfiscono il cuore,
come musica silenziosa
che accarezza I 'anima
ansiosa di armonia
tra cielo e mare.
Non spegnerti luna,
non farmi
vagare ancora
nel buio del mio dolore,
tu sola puoi capirmi
senza che io parli.
Prendimi con te,
accarezzando le stelle
accarezza il mio cuore
malato solo d'amore.

Sezione 2 Poesia inedita a tema libero

1° classificata

LA PRIMAVERA CHE HAI DENTRO di Miriam Lollini

D un tratto senti della mamma la voce
Dal giardino chiamava voleva vedessi
Un pettirosso sul ramo
Venuto nel marzo consueto
Ad annunciar primavera
In un verde acerbo solstizio
Mentre le arance colorano ancora
Un freddo frutteto

Strattono la sedia
Balzan fuori tirate dal vento
Le curiose gambe piccine
Segui’ la voce di lei che non c'era
Mentre mi guardo e non sono bambina
Ma un pettirosso mi guarda e mi dice:
"La primavera che hai dentro
Non ha calendario."

2° classificata

TIMIDA PRIMAVERA di Maria Grazia Pispico

Di lievi carezze,
di facili ebbrezze
mi racconterà
questo tempo incerto
in arrivo.
E come uno Sposo davanti all'altare
aspetterà impaziente
che io alzi i veli
di questo gelido inverno
per potermi baciare.
Allora saranno musiche e danze
cori di uccelli ed alberi in fiore.
Saranno tiepidi abbracci
ma che scaldano il cuore.
10 sarò sempre là ad aspettarti
sui gradini della memoria
perché non esiste tempo
Che cancelli
ogni possibile storia.
Sono fatta anche di questo,
vento del nord e bruciante passione,
ma la primavera dormiente,
sebbene nascosta
da una veste ingombrante,
dentro le vene scorre incessante.
E sotto la pelle stropicciata
dal freddo
vi alberga e vi resta
muovendo pensieri parole e,
almeno per ora,
improbabili gesta.

3° classificata

SOFFIO Dl SALENTO di Laura Barone

È tornato il vento del Sud,
ha chiome d'alberi, infuriate,
incorniciate in un mare
che inghiotte la scogliera.

Il fico spinoso resiste
al mugghiare feroce del sale.
e il fiore dell'agave si piega
su tana di volpe che attende.

E’ tornato il vento del Sud
il secchio del pozzo ha l'ugola di pietra
e parla di sete e colori d'Estate
anime seccate dalla nostalgia.

Il cappero, conficcato nel tufo, prega
per la salvezza dei fiori gustosi
e danza la musica in nuvole argentate
che piangono sulla terra, il tradimento.

È tornato il vento a Sud
e scuote anime e vita,
come un sentire profondo
che attraversa il pensiero.

Sezione 3 Poesia giovane

1° classificata

SALENTO: UNA DANZA Dl COLORI di Aurora Liaci

Provieni dai Messapi, Terra mia,
scolpita su una roccia arsa e dura
coi colori rubati al Creatore,
per affrescare ogni tua Natura.
Taranto lacrime di fuoco,
ma ogni madre guarda al Mare Grande
e, scrutando l' orizzonte ancora ignoto,
sorride al figlio e alle sue domande.
La Città Bianca acceca sotto il sole
che riscalda nella Selva tante fiere
svettano le guglie candide dei Trulli,
e nel porto vicino àncore di petroliere
Grigie distese di ulivi martoriati,
e più contorti , dal morbo della morte,
alano i lunghi rami ormai stecchiti,
urlando al cielo la loro triste sorte .
I muri a secco non sono solo pietre
ma cuori avvicinati, senza parola,
versi muti di antiche nostalgie
testimoni di storie nella controra.
La mente del futuro vede Londra
perdersi nella nebbia del domani,
il grigio di una nuvola mi sprona
a cogliere un lavoro a piene mani
Poi guardo il mio Salento e tocco il blu:
il cielo , il mare , una grotta di poesia
Il Tacco e la Punta d' Italia sono una danza:
di colori, di vita... la vita mia!

2° classificata

GIÙ PER MUCURUNE di Ilaria Tundo

Erbe senza nome
mi solleticano la pelle
con spine gentili;
loro lo sanno, il mio nome.
Respiro correndo
gli odori del verde,
finché sono tutta profumo
di limoni e fichi e foglie.
Passo per porte
di case scomparse,
pietre dimenticate
da artisti misteriosi
e sentieri mai percorsi;
o voglio credere così.
Improvviso abbaglio!
Sole che mi tocca la fronte
e mare che fugge lontano,
e poi ritorna
a riposare nel porto.
Sull’orlo del mio dirupo,
gelosa seguo il profilo
della mia terra troppo bella.
Perché il mondo non chiude li occhi?
E non lascia solo per me l'incanto?
Solo un istante...

3° classificata

I FARAGLIONI DI TORRE DELL'ORSO di Maria Sara Antonaci

Onde s'infrangono sulla pietra fredda,
spumeggiano e sciabordano su quelle
che un tempo eran calde membra.
La cala cristallina, la brezza
irrequieta, l'orizzonte azzurro richiamo
ammaliante di colori e profumi,
una giovane donna,
sua sorella .
10 smarrimento dei sensi che indusse
al tuffo mortale, vano spreco
di forze, il tramutarsi dei corpi
in misteriosi faraglioni.
Le grida, la paura, terrore poi
silenzio, fatale inevitabilità
dell' abbraccio patemo
custode eterno di quell'amore fraterno.

Sezione 4 Poesia inedita in vernacolo salentino

1° classificata

FESTA LUNTANA di Stefano De Giorgi

Cu lu sangu tou me faci ‘mpizzacare
Caursa mia, nu te 'nde scire
Ca susu aqquai aggiu restare
'mienzu li campi addhru nunn'ave lu mare meu.

Nah, rivau.

Feste, cunti, balli e canti,
lucisce e naddhra fiata addhri e tanti.
Pe tre giurni e pe’ tre notti
me scotuli lu core a suon de botti.
Lu fucaru parte e spara
e lu cane meu va se ripara
e spettamu l’addhru ca ‘rja cu le segge ‘nfilarate
dopu le sirene de le machine sparate.

Ede tardu ma la notte è 'ncora frisca
e ne spetta a luci spente, la festa mia.
Puru tie me spetti allu scuru
ma quandu me vidi te lucisci assula, carusa mia.
Tutun tutun, tutun tatan
lu tamburrieddhru de nanzi alla fanescia
de la cummare ca nu vole dorma,
è scisa puru iddhra cu senta lu calore de le danze.
Mena fimmena mia, resta aqquai
e soffri cu mie la lontananza,
ca' Li Santi nosci ne proteggenu
cu lu Spiritu Santu de lu Signore
e nu timire se le ombre de stu paese fiezzu
te parenu forti
ca se chiudi l'occhi e apri lu core
ede subito manescia, comu se stìame addhrai:
a mmienzu le bancarelle de tutti li gusti e li sapori,
festa crande se moscia annanzi a nui
ca cu li corpi ‘ncannulati
facimu nziddache de gioia
puru a quai ca nun ede mai.

2° classificata

LI VALORI DE NA FIATA di Marco De Matteis

Li valori de na fiata..
iata a ci li canusciu!
ca pe nui, gente de moi,
suntu cose ‘ssai luntane!

Prima se patia la fame
ma la gente, comu frati,
se cucchiava cu se sparte
quiddhru picca ca tenia.

Prima ‘nc’era picca oru
ma la gente era contenta;
osce 'nvece l'oru è troppu
e ciuvjeddhri se 'ccuntenta!

Prima ‘nc'era lu salutu,
l'amicizia e lu rispettu;
osce la tecnologia
ede la pesciu mmalatia!

Li valori de na fiata..
su vulati comu jentu,
persi sutta lu catrame,
tra li sordi e lu cimentu.

Sti versi ca vu cuntu
su n'omaggiu allu passatu,
alli vecchi e alli culacchi
cu lu tata n'ha 'mparatu.

Cu me fazzu picca luce
'ntra sti tiempi scuri e niuri
quardu an'cielu e pensu a Diu
cu na manu sullu core.

Cercu trovu la bellezza,
sciocu cu la fantasia,
e me 'nvicinu alla natura
ddhru 'nca nasce la poesia!

3° classificata LA CANDELORA di Viviana Giordano
Intra a tutte le chiesie
Se ddumanu le candite
Lu ddoi te febbraru…
Sulamente una se stutau:
la toa, Anna.
Comu lu ientu
Stuta li lumiceddhi
Fose lu tiempu te la candila toa:
chianu chianu,
duce comu l’amore,
te asau la morte.
Anna, la candila toa
Ulìa lu Signore
Cu ppassa a manu mia
Cu bbessu bbona comu a tie.
Spettame allu Paraisu,
culli muerti mei:
addhai nisciuna candila
Se stuta mai.